Indicazioni al trattamento chiropratico

Nota:
qui descritte sono riportate solo alcune tra le principali condizioni trattate in Chiropratica

Mal di testa

Blocchi, Colpo della Strega

Ernie e Protrusioni

Problemi di Postura

Lombalgia e sciatica

Il Colpo di Frusta

Stati Tensivi e Stress

Prevenzione... davvero?

 

Mal di testa, cefalea

Problematiche di assetto delle vertebre cervicali, contratture muscolari, stati tensivi, malocclusione dentale e alterazioni della postura possono essere solo alcune delle cause muscolo-scheletriche del mal di testa, il quale si può presentare in modi molto diversi ed arrivare, come spesso accade, ad essere recidivante e debilitante.

 

I trattamenti chiropratici hanno aiutato moltissime persone con questo tipo di disturbo sbloccando le vertebre sublussate che causavano disfunzione e disturbo. Non vanno sottovalutati i fattori emotivi che possono esserne alla base: le tensioni emotive diventano tensioni corporee!

Lombalgia e sciatica

Il classico mal di schiena è tra le ragioni più comuni di visita al medico di base, oltre ad essere una delle principali cause di assenza dal lavoro e di richieste di indagini diagnostiche. Il dolore lombare può avere origini e manifestazioni diverse, può essere localizzato alla parte più bassa della schiena o irradiarsi lungo una gamba (lombosciatalgia) o entrambe, può manifestarsi improvvisamente con dolore acuto o atroce o avere una insorgenza lenta e progressiva. Solo di rado è significativo di una patologia grave (localizzazione lombare di malattie sistemiche), nella maggior parte dei casi le cause sono attribuibili a: "blocchi" vertebrali, sovraccarico delle strutture vertebrali, alterazione della statica muscolo scheletrica, condizioni psicogene (stress, ansia,depressione), traumi (anche non recenti), sofferenze discali (ernie, protrusioni, discopatia). Se soffri di mal di schiena non aspettare che degeneri ulteriormente, spesso l'abuso di farmaci antidolorifici non fa altro che spegnere il sintomo anziché indirizzare la causa vera e propria del problema. La Chiropratica, dagli studi condotti negli USA e dalle statistiche riportate dalle maggiori compagnie assicurative statunitensi, è una metodica sicura e particolarmente efficace nell'ambito della gestione conservativa (non chirurgica) della lombalgia.

Blocchi articolari, colpo della strega

I blocchi articolari sono alquanto comuni e colpiscono chiunque e a qualsiasi età. Rimanere "incriccati" con il collo o con la bassa schiena (colpo della strega) può essere causato da una infinità di motivazioni e può segnalare la presenza di patologie del rachide come discopatie, ernie discali e fenomeni degenerativi. Il blocco può avvenire a seguito di uno sforzo fisico o di un movimento banale, oppure appena ci si sveglia al mattino. Il dolore può essere locale o irradiarsi lungo un arto, in quest'ultimo caso è da considerarsi un sintomo più importante. In ogni caso quando si rimane bloccati è bene non sottovalutare la condizione stessa e sottoporsi ad accertamenti. Questa categoria di problematiche è quella che vedo come l'urgenza più frequente nella mia attività. Il trattamento chiropratico è molto utile in almeno il 90% dei casi, dando sollievo iniziale e gettando le basi per un rapido recupero. In accordo con il medico di base del paziente si possono decidere eventuali esami da effettuare (RX, risonanza, ecografia, etc).

 
 

Il Colpo di Frusta

Il colpo di frusta è un evento traumatico caratterizzato da una improvvisa accelerazione succeduta da una altrettanto improvvisa decelerazione del capo e del rachide cervicale, genera quindi danni da iperestensione o iperflessione della cervicale.

E' un esito comune di tamponamenti ma anche di altre forme di traumi, in primis quelli in ambito sportivo. L'entità del danno è generalmente proporzionale all'entità dell'incidente, successivamente al controllo del Pronto Soccorso la persona può sottoporsi al check chiropratico.

Salvo casi di specifiche controindicazioni come una frattura o la franca instabilità di uno o più segmenti vertebrali, il Dottore Chiropratico si adopererà per ripristinare il corretto assetto vertebrale e la relativa funzionalità cervicale e della colonna intera. Da non sottovalutare sono gli effetti a lungo termine di questo tipo di incidente: mi capita frequentemente di vedere pazienti che presentano disturbi cervicali verosimilmente attribuibili a colpi di frusta risalenti ad anni prima, che al tempo sono stati sottovalutati e/o non trattati adeguatamente.

Ernie e Protrusioni discali

Si parla di protrusione quando il disco sofferente crea una particolare convessità (bulging discale) verso l’esterno, che va a comprimere strutture e tessuti adiacenti generando dolore e rigidità. Si tratta di ernia quando la migrazione del materiale più interno al disco irrompe attraverso le fibre di contenimento creando una sporgenza più importante la quale, a seconda di dimensioni e posizione, causa una compressione sulle radici dei nervi che dipartono da quel livello vertebrale.

Sono causa di una varietà di sintomi: si va dal dolore locale (cervicalgia,dorsalgia, lombalgia) sino alle irradiazioni agli arti superiori o inferiori (brachialgia, sciatalgia, cruralgia). Causano disfunzioni di varia natura quali riduzione o alterazione della sensazione tattile lungo il percorso del nervo compresso (parestesia), dolore anche molto intenso, riduzione del riflessi nervosi, debolezza muscolare, forti contratture.

La Chiropratica segue una prassi operativa che non si limita alla sola gestione del dolore ma cerca di ripristinare il corretto allineamento e funzionamento delle vertebre sopra e sotto il disco interessato e della colonna nel suo insieme. Spesso utilizzo tecniche chiropratiche low force in modo da poter eseguire il trattamento anche in quadri clinici complessi. In linea generale se si soffre per la presenza di protrusione o ernia discale è bene non aspettare che il dolore passi prima di sottoporsi al trattamento chiropratico.

Stati tensivi e traumi emotivi

Incidenti e vizi posturali sono comuni cause di alterazione di posizione e funzionamento della colonna vertebrale, ma non sono gli unici, si può addirittura azzardare a dire che le cause emotive siano tra le principali. La medicina psicosomatica, la psico-neuro-immunologia, l’epigenetica e le medicine interpretative ci dicono che le emozioni generano importanti effetti sia sul metabolismo che sulla struttura muscolo-scheletrica.

Generalizzando dico sempre che le tensioni emotive si traducono a livello corporeo in tensioni muscolari e che quindi queste esercitano delle sollecitazioni anche notevoli sulle articolazioni a cui sono attaccati e sulla architettura scheletrica in generale, modificandone la funzione e l’assetto e consumando energia utilizzabile per altre funzioni utili. Ritengo indispensabile considerare che la sfera mentale vive ed opera in una forma di simultaneità e di co-esistenza con l’ambito metabolico e muscolo scheletrico, in altre parole non sono dissociate, quindi quando qualcosa (stress,emozioni) o qualcuno (Chiropratico) agisce su una di esse, agisce direttamente sulle altre. È per questo motivo che ritengo che un qualsiasi disturbo non debba essere mai visto fine a se stesso ma anche come una possibile espressione di altri ambiti con significati potenzialmente più complessi, quindi celando in sé una distinta richiesta di attenzione.

Ansia, rabbia, paura, tristezza, pensieri fissi e ripetitivi sono tossine emotive che se da una parte sono elementi costituenti nella nostra crescita personale, alla lunga hanno un costo energetico, psicologico, metabolico e muscolo-scheletrico. Uno specifico approccio chiropratico somato-emozionale permette di gettare le basi per un riequilibrio fondamentale, associato al lavoro sul riequilibrio muscolare e respiratorio e il ripristino di una corretta postura, permette di liberare la persona dal suo stato di blocco corporeo, energetico e mentale.

 
 
 

Problemi di Postura

La definizione più comune di postura è la posizione che il corpo assume nello spazio tridimensionale e la relazione tra le sue parti; si tratta della posizione corporea più idonea a resistere alla forza di gravità con il minor dispendio di energie. La postura è il risultato di più elementi che, insieme, causano la posizione finale:

  • elementi costituzionali e strutturali geneticamente                  predeterminati (anche costituzione etnica)

  • elementi acquisiti successivamente a traumi fisici e abitudini corporee, posture abitudinali

  • stati emotivi che si esprimono a livello fisico

  • adattamenti funzionali a specifiche patologie

 

Tutto questo ci fa subito capire l’importanza e le relative implicazioni presenti nei disturbi della postura: in quale di questi ambiti risiede la causa primaria?

In particolar modo, lo stato emotivo è una parte importante della postura sia nel bambino che nell’adulto, ne è uno degli elementi costituenti. Quindi una postura alterata dalla sua componente emotiva evidenzia una criticità che richiede una sua comprensione ed un approccio corporeo sensibile, non mirato ad una correzione forzata a tutti i costi, ma a permettere la liberazione di quei blocchi fisici là dove risiedono i corrispondenti blocchi emotivi (resistenze vere e simboliche rispetto alla situazione vissuta). In altri casi dove la causa primaria risale ad un problema strutturale, il check chiropratico evidenzierà le vertebre e le strutture che necessitano di essere trattate.

Chiropratica e Prevenzione

La prevenzione è ciò che quasi tutti vorrebbero poter fare ma che generalmente nessuno fa veramente! Questo è un ambito alquanto complesso dove entrano in gioco schemi di pensiero assorbiti dalla società in cui viviamo, erronee informazioni dei mass media e campagne mediatiche varie che fondamentalmente ci comunicano di quanto sia terribile e pericoloso non assumere quel farmaco "buono" o fare quel determitato esame. Il problema principale è che il concetto di "prevenzione" è attualmente sinonimo di "evitare che", quindi sfuggire alla malattia. Sarebbe più opportuno, invece di cercare la salute come conseguenza del fuggire dalla malattia, pensare attivamente di avvicinarsi sempre più al proprio benessere per amore di se stessi e della vita. Forse è anche un modo per avvicinarsi maggiormente al proprio senso della vita. Dobbiamo ricordarci che il nostro organismo è subordinato al funzionamento del sistema nervoso centrale, il quale regola e coordina qualsiasi attività organica; questo è costituito dal cervello e dal suo prolungamento, ovvero il midollo spinale contenuto all'interno della colonna vertebrale. Ad ogni livello vertebrale questo fascio di nervi che trasporta tutti i messaggi tra corpo e cervello, si dirama in due nervi periferici che vanno ad innervare i rispettivi organi, tessuti e muscoli. Proprio questo ci fa capire come sia importante che la colonna vertebrale e l'intera struttura muscolo-scheletrica rimanga libera da blocchi ed alterazioni che potrebbero alterare proprio quel sistema di comunicazione così fondamentale. Consiglio ai miei pazienti di considerare tutto ciò con maggiore attenzione e di sottoporsi regolarmente ad incontri di "manutenzione". La frequenza è molto soggettiva in quanto dipende da condizioni preesistenti e dallo stile di vita, generalmente gli incontri sono mensili, bimestrali o trimestrali a seconda dei casi.

-

 
 

Studio Chiropratico Torino,chiropratico cosa cura,CHIROPRATICA A COSA SERVE,

curare mal di schiena torino,curare cervicale torino,curare sciatica torino, curare colpo di frusta torino,curare colpo della strega torino

wwww.giancarloviano.com

© 2019 Dr. Giancarlo Viano DC  IniziaDaQuiPress

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti in questo sito internet, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione.

Tel 349/8540520

Via Piazzi 60, 10129 Torino

P.IVA 08542980019